EN IT

20 — 24 LUGLIO 2022

VISUAL 2020 DEF

IL FESTIVAL DELLA VISIONE ROMA — GAZOMETRO

23

LUGLIO

©Studio lost but found / Douglas Gordon / VG Bild-Kunst, Bonn, 2022

Photo Studio lost but found / Frederik Pedersen

DOUGLAS GORDON & PHILIPPE PARRENO PRES. ZIDANE: A 21ST CENTURY PORTRAIT

TERRAZZA G3 | 21:00


La collaborazione di Douglas Gordon e Philippe Parenno, Zidane: A 21st Century Portrait, segue in tempo reale la stella del calcio francese Zinédine Zidane nel corso di una singola partita, che si è svolta nel 2005.


Il film, assemblato da riprese realizzate con 17 telecamere sincronizzate all’interno dello stadio, ritrae il calciatore da molteplici angolazioni, ravvicinate e distanti, mantenendo il focus sempre sul volto di Zidane, anche quando non si trova al centro della partita.

Il progetto si è ispirato allo stile pittorico di Goya e Velázquez nonché al più immediato precursore dei ritratti cinematografici in tempo reale, Andy Warhol. 


La partita è solo uno dei componenti del film, che durante l’intervallo raccoglie gli eventi accaduti nello stesso giorno a livello globale: un’alluvione in Serbia, il lancio di un videogame, l’esplosione di un’autobomba in Iraq e la morte di Sir John Mills.


L’alternanza delle riprese, gli effetti sonori e alcuni sottotitoli, in cui Zidane confida alcuni suoi pensieri, movimentano il film. 

La complessità psicologica del ritratto del protagonista, rende omaggio a Zidane come parte di una storia che non viene però realmente raccontata.


Douglas Gordon

L’artista scozzese Douglas Gordon utilizza da sempre una varietà di mezzi, tra cui l’installazione, il video e la fotografia, per indagare la memoria e il tempo. 

Per la sua 24 Hour Psycho (1993), Gordon ha rallentato un film di Alfred Hitchcock del 1960 fino a farlo durare un giorno intero; amplificandone la tensione ipnotizzante.


Nel 2006, Gordon ha collaborato con l’artista Philippe Parreno su Zidane: A 21st Century Portrait, un film che presenta i movimenti della stella del calcio francese Zinedine Zidane in tempo reale nel corso di una singola partita per creare uno studio complesso di ritratto e spettacolo mediato. Esposto a livello globale, il lavoro di Gordon è stato l’oggetto di notevole attenzione critica e ha collezionato diversi premi internazionali.


Durante la 65esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia è stato scelto come giurato internazionale e nel 2012 è stato presidente del Festival del Cinema di Roma. Gordon attualmente vive e lavora tra Berlino e Glasgow.

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle nuove proposte di Videocittà.

Iscriviti alla newsletter e resta sempre aggiornato sulle nuove proposte di Videocittà.