SOLID LIGHT | EX CASERMA GUIDO RENI

25-26-27 OTTOBRE
Ex Caserma Guido Reni – Via Guido Reni,7 – 00196 Roma RM

 

Al suo secondo anno all’interno di Videocittà, Solid Light Festival torna con un nuovo viaggio immersivo di tre giorni, dal 25 al 27 Ottobre, all’interno delle Ex Caserme Guido Reni.

Per SolidLight 2019, l’innovativo format creato da Lazy, abbiamo chiamato i collettivi più all’avanguardia nel campo delle arti digitali per trasformare i suggestivi spazi industriali delle Ex Caserme Guido Reni presentando due installazioni immersive, dedicate entrambe al tema dell’acqua.

Le due installazioni trasformeranno per il weekend di Solid Light gli spazi dell’ex caserma Guido Reni in un innovativo contenitore di arte digitale capace di trasportare gli spettatori in un viaggio sensoriale. Il collettivo catalano Onionlab presenterà per la prima volta in Europa dopo la prima mondiale a New York l’opera Phasing Rain e gli artisti romani Quiet Ensemble daranno vita alla loro ultima creazione: Ephemeral dusking sparks.

25-26-27 OTTOBRE | orario: 20.00-02.00

Ex Caserma Guido Reni | Sala 2bis | Immersive installation | Phasing Rain | by Onionlab

Sala 2bis
Il collettivo Onionlab, in collaborazione con l’artista Xavi Bove, presenterà in anteprima europea Phasing Rain, ispirata a It’s Gonna Rain del compositore minimalista Steve Reich, un’installazione che trascina gli spettatori sotto una pioggia di luci: i lampi e tuoni del diluvio del riscaldamento globale. Un tunnel composto da 26 barre LED imitano il movimento delle gocce d’acqua, ogni barra è sincronizzata al ritmo della colonna sonora originale di Zinkman: camminare sotto il diluvio non è mai stato così ipnotico.

Ex Caserma Guido Reni | Sala 25 |Immersive installation | Ephemeral Dusking Sparks | by Quiet Ensemble 

Il duo romano Quiet ensemble, dopo aver illuminato l’Ippodromo delle Capannelle per Roma Liberata e di ritorno dal Sónar Festival, torna nella loro città per portarci dentro una vera e propria nuvola. Ephemeral Dusking Sparks di Fabio Di Salvo e Bernardo Vercelli è un’installazione sensoriale: gli spettatori entrano dentro una nuvola dove l’atmosfera muta d’intensità, generando ritmiche visive e sonore, passando da arcobaleni stroboscopici a luci intermittenti, dal più soffuso crepuscolo a una nuova, accecante e ritmata tempesta.